Nuove Dipendenze

Servizi

Dipendenze – Nuove dipendenze


Nuove dipendenze

Nuove forme di dipendenza in cui non è implicato l’intervento di una sostanza chimica che agisce sull’organismo.
Vengono chiamate anche DIPENDENZE COMPORTAMENTALI, perché l’oggetto della dipendenza è un comportamento o un’attività lecita e socialmente accettata.

  • Gioco d’azzardo patologico
  • Dipendenza da Internet (Internet Addiction Disorder)
  • Dipendenza dallo shopping (Shopping compulsivo)
  • Dipendenza da lavoro (work addiction)
  • Dipendenza dal sesso (sex addiction)
  • Dipendenza dai telefonini
  • torna al menu

    Shopping compulsivo

    È un disturbo caratterizzato dall’impulso irrefrenabile e immediato all’acquisto, da una tensione crescente alleviata solo comprando. Ogni stato emotivo negativo viene invertito nella spinta incontrollabile ed irrefrenabile ad effettuare un acquisto nonostante la compromissione delle sfere finanziaria, relazionale, lavorativa e psicologica.
    La Dipendenza dagli Acquisti, detta anche Shopping Compulsivo, viene descritta per la prima volta da Kraepelin nel 1915 come “mania di comprare” o “oniomania”. In seguito Bleuler (1924) la elenca tra gli “impulsi reattivi”.
    Criteri diagnostici per la dipendenza da shopping(cfr. McElroy 1991):

    A. La preoccupazione, l’impulso o il comportamento del comprare non adattivi come indicato da uno dei seguenti   elementi:

    1. Frequente preoccupazione o impulso a comprare, esperiti come irresistibili, intrusivi o insensati;
    2. Comprare frequentemente al di sopra delle proprie possibilità, spesso oggetti inutili (o di cui non si ha bisogno), per un periodo di tempo più lungo di quello stabilito.
    B. La preoccupazione, l’impulso o l’atto del comprare causano stress marcato, fanno consumare tempo, interferiscono significativamente con il funzionamento sociale e lavorativo o determinano problemi finanziari (indebitamento o bancarotta).
    C. Il comprare in maniera eccessiva non si presenta esclusivamente durante i periodi di mania o ipomania.

    L’identikit dei compulsive buyers (Shopper) fornisce preziose informazioni sulle caratteristiche sociali e culturali di quanti manifestano questo disagio: il 90% dei soggetti è rappresentato da donne che appartengono a una fascia sociale media: molte sono casalinghe, segretarie, impiegate e con un’età media di 40 anni. In merito a quest’ultimo punto va detto che avvisaglie e sintomi di questa difficoltà rispetto agli acquisti si avvertono in questi soggetti già nell’adolescenza.
    torna al menu

    Internet Addiction Disorder

    Un uso maladattivo di Internet, che conduce a menomazione o disagio clinicamente significativi come manifestato da tre (o più) dei seguenti, che ricorrono in qualunque momento dello stesso periodo di 12 mesi.
    La dipendenza da Internet è stata molto spesso assimilata al Gioco d’Azzardo Patologico, proprio per la somiglianza che i due disturbi presentano nella fenomenologia e nelle conseguenze disastrose a cui conducono. Kimberly Young (1996), una delle prime autrici che si è interessata a questo fenomeno, conduce una ricerca on-line, allo scopo di valutare l’esistenza di una dipendenza dalla Rete e di studiare i problemi ad essa correlati.

    Criteri diagnostici per Internet Addiction Disorder(cfr.Young, 1996):

    1.Eccessivo assorbimento nell’utilizzo di Internet
    2.Bisogno di aumentare il tempo di collegamento alla rete per raggiungere uno stato di soddisfazione ottimale
    3.Ripetuti tentativi, senza successo, di controllare, ridurre o interrompere l’utilizzo di Internet
    4.Sentimenti di irritabilità, irrequietezza e depressione quando si tenta di ridurre o interrompere l’utilizzo di Internet
    5.Rimanere collegati alla rete più a lungo di quanto stabilito
    6.Mettere a repentaglio relazioni significative, lavoro, scuola, a causa di Internet
    7.Mentire ai membri della propria famiglia, al terapeuta o agli altri per nascondere l’intensità del proprio coinvolgimento nella rete.
    8.Utilizzo di Internet come un mezzo per evadere dai problemi o alleviare un umore disforico per esempio sentimenti di inefficacia, colpa, ansia e depressione

    Tipologie per Internet Addiction Disorder

    1.Cybersexual Addiction: uso compulsivo di siti dedicati al sesso virtuale e alla pornografia.
    2.Cyber-Relational Addiction: la tendenza ad instaurare relazioni amicali o amorose con persone incontrate on-line.
    3.Net Compulsions: i tre principali comportamenti compulsivi che si possono mettere in atto tramite Internet sono:

    a. Gioco d’azzardo;
    b. Partecipazione ad aste on-line;
    c. Commercio in Rete;
    4.Information overload: la ricerca di informazioni tramite la “navigazione” sul World Wide Web.
    5.Computer Addiction: la tendenza al coinvolgimento in giochi virtuali, come per esempio i MUD’s, giochi di ruolo interattivi in cui il soggetto partecipa costruendosi un’identità fittizia.

    torna al menu

    Work Addiction

    La dipendenza da lavoro, chiamata Work Addiction o Workaholism nella letteratura internazionale, viene definita come “un disturbo Ossessivo-Compulsivo che si manifesta attraverso richieste auto-imposte, una incapacità di regolare le proprie abitudini di lavoro, ed una eccessiva indulgenza nel lavoro fino all’esclusione delle altre principali attività della vita.” (crf. Robinson, 1998).
    torna al menu

    Sex Addiction

    Nel 1987 nasce negli Stati Uniti il Consiglio Nazionale sulla Dipendenza dal Sesso (NCSA), con l’intento di fornire informazioni, opzioni di trattamento e ridurre il pregiudizio. Esso definisce la Dipendenza dal Sesso come: “Persistente e crescente modalità di comportamento sessuale messo in atto nonostante il manifestarsi di conseguenze negative per sé e per gli altri“.
    E’ importante innanzitutto distinguere tra Love Addiction e Sex Addiction.
    La Love Addiction si manifesta nel bisogno di creare una relazione affettiva molto intima, in cui il soggetto diviene dipendente da una persona significativa che lo protegge e si prende cura di lui. Il Love Addict definisce la propria identità sulla base di questa relazione stagnante, tanto che rinuncia allo sviluppo di qualsiasi forma di interesse e abilità personale, temendo ogni minaccia di cambiamento.
    La Sex Addiction si manifesta in diversi modi, uno dei quali è il bisogno incontrollato di avere rapporti sessuali con persone sempre diverse, senza alcun coinvolgimento emotivo e senza la creazione di un’intimità con il partner, che viene visto solo come un oggetto da utilizzare.
    torna al menu

    Dipendenza da telefonino

    Le persone dipendenti dal telefonino tendono a ritirarsi sempre di più dal rapporto con il mondo, trascorrendo molto tempo da soli, e per sopportare la solitudine (alla fine creata da loro stessi) si trovano ore e ore con il telefonino in mano. Giocano, ad esempio, con i giochi interattivi o inviano a ripetizione degli SMS. Con questo comportamento corrono il rischio di disimparare a giocare e a trasmettere le loro emozioni in modo adeguato usando il linguaggio e la comunicazione verbale. Oltre a questo, se telefonano in continuazione a qualcuno e fanno uso del proprio pensiero soltanto a questo scopo, corrono anche il rischio di disimparare a usare la mente per immaginare l’altro e le cose del mondo. Altre possibili conseguenze, che sono comuni a tutte le dipendenze da un comportamento, sono la perdita di interessi, come lo sport e altri passatempi che una volta davano soddisfazione, forti sbalzi d’umore, disturbi del sonno e dell’alimentazione, l’uso di farmaci e droghe, debiti dovuti all’uso estremo del telefonino, conflitti con le persone vicine (problemi di rapporto con il coniuge) e problemi al lavoro. Una persona che soffre di una dipendenza da telefonino, e per questo alimenta un bisogno forzato di comunicazione continua, dovrebbe diminuirne gradualmente l’uso: lo dovrebbe tenere spento all’inizio solo poche ore al giorno, poi proseguire aumentando le ore fino a quando non raggiunge una certa tolleranza all’ansia dell’attesa. Oltre a questo, il programma terapeutico prevede anche un lavoro approfondito sui problemi che causano la dipendenza e che probabilmente hanno favorito l’instaurarsi di questa problematica. Questi aspetti caratterizzano anche l’intervento sulle altre tipologie di dipendenza da comportamento (crf. Monaco, Guerreschi, 2005).
    torna al menu

    Referente

    dott. Gianni Mario D’Ambrosio
    tel.(+39) 0975-22731 – cell. (+39) 340 3619409

    torna al menu